Le mani hanno un fascino tutto speciale, non a caso sono infallibili armi di seduzione. sono anche la parte che moltissime persone osservano per prime. Eppure sono una zona molto trascurata: tra le mille attenzioni che dedichiamo alla cura del nostro corpo, raramente pensiamo a loro o ce ne ricordiamo solo quando, a causa di alcuni disturbi, come per esempio l’artrosi, ci fanno male.

Invece anche le mani hanno bisogno di cure e trattamenti ad hoc. Altrimenti possono incepparsi.

“Nella loro perfezione, le mani sono il prolungamento del cervello”, così ha detto il brasiliano Ivo Pitanguy, chirurgo plastico di fama mondiale. In effetti le mani rappresentano un congegno altamente sofisticato, in grado di eseguire qualsiasi operazione di precisione, ma anche di forza. Quasi non ce ne accorgiamo, ma le mani sono in continuo movimento, ancor più che i piedi o le ginocchia: prendono, afferrano, stringono, scrivono, digitano, accarezzano. Aristotele aveva definito la Mano “organo degli organi”, tale definizione corrisponde al vero. Nulla di più vero infatti nella mano troviamo la più alta concentrazione di parti anatomiche: chilometri di vene e arterie, 27 ossicini, 43 inserzioni tendinee, 18 articolazioni e 3 nervi (mediano, radiale e ulnare) che coordinano la parte sensitiva e motoria. Il pollice è capace di 35 milioni di movimenti, combinazione di atti di estensione, tensione e abduzione, compiuti per andare a contattare ogni altro punto della mano. In genere, l’organo degli organi è considerato semplicemente un’appendice del corpo, ma per noi, specialisti in Chirurgia della Mano, accade il contrario: noi giudichiamo il corpo un’appendice della mano. Infatti la mano è unica ed esclusiva, è un segno di riconoscimento inimitabile. Infatti su sei miliardi di individui che popolano il nostro pianeta non possono esistere due mani identiche. Sono poche le operazioni che non le vedono coinvolte: quando siamo ancora nel letto è proprio grazie a loro che spegniamo la sveglia e scostiamo le lenzuola, e sono sempre le mani a permetterci di sciacquarci il viso o di preparare la colazione. E l’importanza del loro ruolo non dimise certo con il passare delle ore. Ma le mani non sono solo questo, riflettono anche lo stato d’animo della persona: tranquille o nervose, tenute ferme o usate per gesticolare sono sempre in primo piano. Efficaci strumenti di comunicazione, sono anche armi di seduzione: affusolate, ben curate morbide attraggono gli sguardi di chi vorrebbe essere accarezzato.

 

                                                   

Quando si parla di invecchiamento, viene quasi automatico pensare al viso che si riempie di rughe oppure ai glutei e i fianchi che “cedono”. E, invece, anche le parti che sembrano quasi eterne devono sottostare alla dure legge del tempo. Non sfuggono a questa regola nemmeno le mani che con il passare degli anni possono perdere la loro naturale scioltezza e agilità. Le dita e i polsi diventano così meno mobili e iniziano a comparire i primi dolori articolari. Anche la resistenza e la forza possono venir meno: aprire un barattolo o sollevare la borsa della spesa diventano imprese titaniche, perché i muscoli di mani e polsi sono fuori forma. Il processo è ancora più accentuato e precoce nelle persone predisposte: chi, per difetti presenti fin dalla nascita o per mancanza di allenamento, presenta mani “deboli” a livello osseo, tendineo o articolare, può essere soggetto a problemi anche in età giovane. Per tutte queste ragioni è importante non trascurare questa zona del corpo, ma dedicargli le giuste attenzioni.

Video

DITO A SCATTO

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono già state impostate. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information